immagine tratta da alateia

La seduta d'insediamento del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia [XII legislatura], si è aperta ieri con il giuramento dei consiglieri regionali. I neo eletti hanno letto la formula rituale in lingua italiana [Giuro di essere fedele alla Repubblica e di esercitare il mio ufficio al solo scopo del bene inseparabile dello Stato e della Regione]; molti l'hanno poi ripetuta in lingua friulana, due in sloveno, uno in tedesco. Tutte lingue ufficialmente riconosciute.

Il consigliere regionale triestino Piero Camber, invece, ha ritenuto di utilizzare il latino, con la seguente motivazione: Una lingua che unisce in una Regione che rivendica radici anche linguistiche le più diverse, abitata da popolazioni provenienti dai luoghi più disparati del mondo. Una lingua che da sola rappresenta però le radici della nostra bimillenaria civiltà cristiana: le sue tradizioni, i suoi valori che è nostro compito non solo difendere ma valorizzare, in primis esaltando quel che unisce e non quel che divide.

Il Latino, in effetti, circa 2000 anni fa, ha unito gran parte del mondo conosciuto. Usando l'arbitrio del più forte.

Era la lingua dei Romani, che, con la violenza delle armi, spietatamente estirpando qualsiasi moto di ribellione di chi non era d'accordo, ha unificato con le buone e con le cattive i popoli d'intorno. Un esempio di imperialismo ante litteram [orpo, ci sono cascato anche io], che ben rappresenta simbolicamente la politica colonialistica che stimo vivendo ai giorni nostri.

Quindi, in effetti, se Camber voleva mettere sotto accusa il colonialismo culturale ed economico subito dalla nostra terra oggi giorno più che maiha fatto una scelta colta e azzeccata [non sono però sicuro che questa fosse l'intenzione di Camber].

Per il resto, che dire?

Il Latino simbolo del cristianesimo mi sembra proprio una ipotesi azzardata. Avrei capito l'aramaico, l'ebraico o il greco. Queste sono state le lingue utilizzate per scrivere il Nuovo Testamento. Il latino? E' venuto dopo. Il latino stà al Vangelo come l'inglese sta al Commonwealth. Un semplice strumento di comunicazione, che di strettamente simbolico con il messaggio cristiano ha veramente ben poco.

E con questo metterei una pietra tombale sul tentativo latinista del buon Camber.
Una stele, con su scritto, come nella bimillenaria tradizione cristiana: OMEGA [che però, ahimè, è greco]

Articoli recenti del blog

  • vuoi che ti rubino casa tua? Rosario Di Maggio 28/05/2018

    Salvini si giocherà tutto su questa semplice, banale domanda [e altrettanto semplice e sottointesa...

  • pensieri in libertà di pierino la peste Rosario Di Maggio 27/05/2018

    RICONOSCIMENTIViva emozione ieri alla serata di gala del centrodestra sovranista italiano. Nel corso...

  • uniti sotto il tallone latino Rosario Di Maggio 23/05/2018

    La seduta d'insediamento del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia [XII legislatura], si è...

Youtube

Newsletter

iscriviti alla nostra newsletter per essere informato sulle nostre iniziative
Privacy e Termini di Utilizzo